TERESA SEVERINI PRESENTA LA GUIDA AI SEGRETI DEL VINO, A POSTIGNANO

Postignano (SELLANO) – E’durante la manifestazione culturale “Un Castello all’Orizzonte” che sabato 6 luglio 2019 a Castello di Postignano si è tenuto un incontro con TERESA SEVERINI ZAGANELLI. La dr.ssa Severini ha presentato il suo libro riguardante Il Museo del Vino Lungarotti di Torgiano: “L’uva nel bicchiere. Guida gaia ai segreti del vino”. Casa editrice Gribaudo, 2011.

Teresa Severini Zaganelli è, in Italia, tra le prime donne che hanno intrapreso la professione di enologo. Si è laureata presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia e specializzata presso l’Institut d’Oenologie de l’Université de Bordeaux. Dal 1979 lavora nell’Azienda di famiglia, una delle più note cantine italiane. Occupatasi per anni dei processi tecnici di vinificazione, TERESA SEVERINI dirige il settore “marketing e comunicazione” dell’azienda, forte della sua creatività che supporta con la solida esperienza maturata nell’attività di promozione anche in campo culturale e turistico.

“Giorgio Lungarotti dette il via a una nuova stagione enologica e culturale, creando il MUVIT Museo del Vino che non ha pari a livello internazionale”. Questo concetto fu espresso a maggio 2018 dall’assessore regionale all’agricoltura Fernanda Cecchini in occasione del 50° della D.O.C. Lungarotti, assegnata nel 2018. La D.O.C. al vino Lungarotti è stata la prima in tutta Umbria e una delle prime in tutta Italia. Un traguardo di grande livello.

Coniugata con l’avvocato Corrado Zaganelli, TERESA SEVERINI ha tre figli. Il primo, Francesco, è il protagonista dell’avventura narrata nel libro presentato a Postignano. Nei suoi racconti, infatti, l’autrice unisce ricordi di vita familiare a una didattica fatta di inviti al gioco e curiose sollecitazioni. In questo caso l’intenzione è quella di rendere gradevole la narrazione di processi produttivi e approfondimenti scientifici unitamente a curiosità per introdurre giovani e adulti alla viticoltura e all’enologia. Sono così poste le basi per una corretta informazione ed educazione al gusto e soprattutto al consumo consapevole.

MICHELE BALDONI

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *