TANTI I VOLONTARI, ALMENO 100. “NECESSARI IN OGNI COMUNE, ASSIEME A STRUMENTI ADEGUATI”. PARLANO NAZARENO PLATANI, C.R.I. DERUTA-TORGIANO E L’ASS. TONIACCINI, PER ‘DERUTA CITTA’ CARDIOPROTETTA’.

TORGIANO-DERUTA – “Una vita salvata in anni ed anni sarebbe già un risultato enorme. ‘Deruta Città Cardioprotetta’ sta arrivando ai primi 2 anni. Il grazie va ad ogni persona che continua a collaborare, che ha il patentino per utilizzare le strumentazioni. La vita non ha prezzo”.

Nazareno Platani si spiega chiaramente, il territorio comunale di Deruta ha davvero abbracciato la questione-salute con la suddetta iniziativa. Lo stesso assessore Michele Toniaccini dell’Amministrazione comunale ha descritto il tutto, in un comune dove, prosegue Platani, “ogni frazione è dotata di defibrillatori. Sant’Angelo, San Nicolò, Pontenuovo, Ripabianca, Casalina, Deruta stessa; a Castelleone interverremo ad ottobre e glieli forniremo. I volontari ogni anno possono rinnovare il patentino”.

La C. R. I. locale ha già fornito circa 2.000 euro, la passione e l’impegno dei volontari e di chi ha seguito la formazione della Croce Rossa Deruta-Torgiano è grande. “Deruta si dà da fare, pure a reperire persone e soldi necessari. Le strumentazioni installate necessitano anche di manutenzione. Le teche che le contengono devono stare in temperatura compresa tra 10 e 20 C°” – aggiunge Platani. E il contributo delle Pro Loco? “Io pensai di coinvolgerle. Mi sembrò ovvio, con collaudi da fare, partecipare tutti. Ma sproniamo tutti i comuni, basta poco ed il risultato sono vite salvate”. Dunque, la ‘città della ceramica’ prosegue con forza nella strada della salute.

MICHELE BALDONI

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *