COMMISSARIO A TORGIANO , PARLA NASINI : “DISPIACIUTO PER COMPORTAMENTO DI ALCUNI”.

TORGIANO – (dall’intervista di Pasquale Punzi, RETESOLE): Arriva oggi il Commissario Prefettizio a Torgiano , figura indispensabile per l’approvazione del bilancio dopo la caduta dell’Amministrazione-Nasini. Proprio Nasini, sindaco per due legislature, si definiscedispiaciuto per la non collaborazione di alcuni”.

La vicenda è risaputa: il Comune di Torgiano è commissariato, dopo la fine anticipata della maggioranza comunale. Ciò è avvenuto mercoledì 27 marzo a causa delle dimissioni di alcuni componenti dell’opposizione, essendosi com’è noto già dimessi in precedenza tre membri di maggioranza.

Il riferimento iniziale di Nasini è al vicesindaco Enzo Morbidini, che si è dimesso solo per motivi di candidabilità a sindaco. Poteva contiuare a stare in giunta nella futura Amministrazione, anche perché noi contiamo di vincere le prossime, imminenti elezioni. L’indagine fatta presso Torgiano e territorio delle periferie ci dava questo responso: i cittadini hanno chiesto un altro candidato (ora Liberti). Invece Morbidini si è voluto dimettere, assieme agli altri due membri di maggioranza. Poi è stata messa in mezzo la vicenda-Scap, ma non c’entra nulla: loro si sono dimessi quando la Scap era già stata bocciata dalla Conferenza dei Servizi, che in urbanistica è sovrana e noi come Consiglio la potevamo esaminare solo se non fosse stata bocciata” – spiega Nasini.

“Ringrazio la mia intera squadra: ognuno ha avuto il suo ruolo. De Marinis? No, può esserci stima in altri ambiti, ma ha cambiato casacca politica, non è nel mio stile. Liberti è stato in squadra 7 anni, poi forse ha avuto problemi familiari, questo è ciò che so io, magari ambiva a qualcosa di più, ma non è un problema. Con Cirimbilli, Persia, Trinari siamo stati uniti in squadra, Vitali ha scelto la sua professione. Se ne ho persi dodici, ne ho mantenuti sei. Non ritengo strano ricandidarmi a supporto di Liberti: l’hanno fatto a Trevi, a Norcia, a Cascia. Abbiamo realizzato 58 opere pubbliche e penso che in Umbria nessuno ha avuto il 70% di preferenze come me. Ora che c’è il Commissario, finalmente ci approva il bilancio, necessario per opere come palestra, caserma, scuole e relativa sicurezza (i contributi scadono a fine aprile), anche se la Tari non può più diminuire. Don Giuseppe? Non so, l’unica cosa è che forse poteva dare un piccolo aiuto per non far finire le cose così. Marzio Vaccari è una persona che stimo, avvocato; Fausto Ciotti ha la sua lista; ci sono anche le altre liste” – conclude Nasini. E’ proprio alle domande di Pasquale Punzi che il primo cittadino torgianese di due legislature esita, per il momento, all’idea di una candidatura alle elezioni regionali, ma sottolinea per il proprio futuro di “non volersi fermare se sarà in condizione”.

MICHELE BALDONI

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *