UNA DOMENICA DI 14 KM DI CORSA, BRUFA GONGOLA IL 28 Ago PER LA “MARATONINA”, 4° EDIZIONE: TANTI I CORRIDORI, NUMEROSI I VOLONTARI (PER CUCINA, PREMI) PER UN PERCORSO UNICO

BRUFA – Massimiliano Sfondalmondo e Lorena Piastra non saranno certo dimenticati dai presenti all’edizione 2016 della ‘Maratonina del Vino e dell’Arte’: freschi sposi e da anni atleti, hanno partecipato alla competizione locale vestiti in abito da cerimonia….con lei aiutata nello svolgimento, dato lo strascico dell’abito da sorreggere ! Una delle note di colore e di bellezza della competizione estiva brufana, di recente costituzione.

Una giornata colma di passione e partecipazione questa Domenica mattina del 28 Agosto a Brufa, con la corsa partita alle ore 9. Centinaia i presenti, desiderosi di dare sfoggio delle proprie capacità fisiche come gli altri anni, lungo un percorso caratterizzato da campagna e non, davvero unico tra le kermesse umbre. Numerosi i volontari che hanno reso possibile l’organizzazione dei 14 km (indicazioni, segnali), nonché lo spuntino all’arrivo davvero ricco (dolci di tanti tipi anche senza glutine, salato, bevande, frutta fresca), i premi con anche i libri in omaggio. Il borgo brufano tirato a lucido in occasione della ricorrenza di Sant’Ermete martire ha offerto molte delle sue virtù.

“Il comitato organizzatore è composto dalla Pro Loco di Brufa e dalla squadra podistica del Circolo Dipendenti Perugina T&RB Group-Area Sistema – aveva spiegato Daniele Falaschi già prima della manifestazione – l’intero incasso sarà devoluto alla famiglia del piccolo Michele (bisognoso di cure con utilizzo di cellule staminali) durante la cerimonia di premiazione della gara stessa”. L’iscrizione è stata di 2€.

Non dovevano davvero essere parte di questa bella giornata gli spiacevoli episodi capitati proprio durante la mattinata. Si è trattato di tentativi di scasso e di forzatura delle serrature di alcune automobili, parcheggiate nell’area-Parco delle Sculture, zona aperta ed ospitante opere d’arte come ‘Il tempio delle Voci’, ‘Il Grande Segno’. Alcuni partecipanti alla ‘Maratonina’ hanno segnalato come “per le prossime edizioni ci vuole davvero il contributo di alcuni volontari, dediti a controllare l’area”.

MICHELE BALDONI

PROT. CIVILE TORGIANESE IN SOSTEGNO AI TERREMOTATI: È NORCIA LA SEDE PER I 5 VOLONTARI NOSTRANI, GIÀ SUL POSTO DALLA NOTTATA DI MER 24

TORGIANO – Accoglienza alla popolazione, allestimento posti letto e gestione della viabilità: queste le attività che il gruppo di volontari della Protezione Civile torgianese ha subito iniziato a svolgere, già dall’arrivo ore fa.

Sono Enrico Tomassini, Giovanni Amanti, Alice Bartoccetti, Lanfranco Cecchetti, Boto Scipione ad aver preso parte al sostegno delle popolazioni danneggiate dal sisma iniziato Mercoledì 24 alle 3.35 circa nel Reatino ed avvertito in Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo.

“Saremo certamente impegnati per le prossime 24 ore, in attesa che il centro operativo valuti l’evolversi dell’emergenza” – hanno affermato i torgiansi mezz’ora fa, Giovedì 25 mattina.

Drammatico evento, nuova situazione del genere in Italia in pochi anni, tante le possibilità di collaborazione diffuse dagli organi di informazione (sms, bonifico bancario, raccolta indumenti, ecc.).

MICHELE BALDONI

UN GIOVEDI’ 18 DI SPESSORE A TORGIANO, COL PREMIO ‘VINARELLI 2016′: CATIUSCIA MARINI E’ STATA ACCOLTA DA SINDACO NASINI E PRO LOCO, INTERVISTATA DA E. C. BERTOLDI, D. ARISTEI E M. MARIANO.

Riconoscimento consegnato alla presidente della Regione Umbria, il Giovedì 18 a Torgiano si colora: Catiuscia Marini “la Presidente tra la gente”, questo il titolo della serata, che però non ricalca del tutto la realtà con un pubblico formato perlopiù da autorità politiche e giornalisti. Comunque nessuna scalfittura nell’importanza dell’incontro tra Torgiano e la n. 1 della Regione Umbria, protagonista dell’evento delle ore 19.30 di Giovedì in Piazza della Repubblica: avvenuta la consegna del riconoscimento ‘Vinarelli 2016’.
Sono state soprattutto le domande di Elio Clero Bertoldi e Diego Aristei, oltre a quelle di Mario Mariano, a caratterizzare la serata e tirare fuori gli argomenti principali.
 
Dopo le semplici ed ironiche battute iniziali, su periodo vacanziero ed argomenti meno di rilievo, si è giunti con Aristei, Bertoldi e Mariano a parlare di rifiuti e sistema di riciclo: “è un tema di grande importanza, ogni Regione gestisce un sistema proprio. Da noi Orvieto poteva essere a disposizione della capitale? E’ stata un’uscita intempestiva. Ed è derivata da una politica aggressiva dei pentastellati. Gli altri Paesi UE ci hanno comunque mostrato che si può fare un ciclo di rifiuti efficace e ben organizzato, in Germania, Danimarca, Olanda, Paesi Scandinavi. Se a Roma e Torino riescono nei ‘rifiuti zero’, noi applaudiamo e lo applichiamo” – questo l’incipit delle risposte della Marini.
 
Aristei ha insistito nella tematica, chiedendo “a che punto sta la differenziata in Umbria? E i Comuni come lavorano?”. La Presidente descrive tale operazione come “intensificata, ma non da molto tempo. Molti Comuni superano il 50%, vari anche il 60-65%. Il dato è positivo, il nostro modello è il ‘porta-a-porta’. Certamente è costoso, dobbiamo ancora migliorare e ci vuole qualità nella differenziata. Le società di servizio che lavorano sono però ancora troppo frammentate, i Comuni spingano per ridurle”.
 
Con M. Mariano che le domanda un proprio bilancio personale, Catiuscia Marini ringrazia “i cittadini per il consenso. Non sempre le cose da fare si programmano nella totalità, non sempre l’evoluzione è lineare, comunque a 30 anni ero sindaca: lì davvero c’era emozione!”. Aristei chiede i motivi della nascita della passione politica nella leader tuderte, “data la non possibilità di vivere il ’68 ed altri eventi”, e la Marini risponde che “i 20enni della mia generazione hanno avuto la possibilità di vedere la caduta del Muro di Berlino, nonché i fatti di Piazza Tienanmen”.
 
Sull’alleanza Umbria-Toscana-Marche, la Marini auspica “maggiore unione in sanità, trasporto pubblico. No alle idee federaliste della Lega Nord, ma no anche alle macroregioni”.
Il paragone infine si sposta con il premiato da Torgiano nell’anno precedente, il mister Ilario Castagner. La Presidente, intervistata, dice che “se mi chiedete una somiglianza tra le nostre figure, forse ci potrà essere nel non prendere decisioni sempre da soli: la collaborazione è importante”.
 
MICHELE BALDONI

‘VINARELLI 2016’, 33° EDIZIONE DAL SUCCESSO ATTESO: TORGIANO OSPITA NEL PERIODO FERRAGOSTANO GLI ARTISTI PER LA KERMESSE ANNUALE

TORGIANO – Meravigliosa serata, consueto successo lungo il corso torgianese per l’appuntanento Vinarelli. L’edizione 2016 della manifestazione eno-artistica vede riempire il centro comunale con la tavolata dei pittori ed il ‘passeggiare’ di cittadini, turisti, appassionati.

Presenti anche le autorità alla cena pre-pittura, la serata di Mer 17 è graziata dal meteo che poco prima riversava pioggia sull’area locale.

Tante le idee, numerose e diverse le ispirazioni per gli artisti ‘in gara’ a Torgiano, con la realizzazione e colorazione di paesaggi naturali, vignette ironiche, scorci cittadini dove la protagonista è sempre l’uva, assieme al suo prelibato nettare.

Prosegue intanto fino a Dom 21 la rassegna gastronomica torgianese, per un connubio con l’arte che si rinnova ogni anno.

MICHELE BALDONI

ALESSIA CECCHETTI CHIUDE CON SUCCESSO “NOTE SOTTO LE STELLE”: IL 7 AGOSTO L’EVENTO SI E’ SVOLTO NELLA CHIESA DI SAN BARTOLOMEO

TORGIANO – Pubblico unanime nel consenso, serata da applausi. L’ ‘associazione musicale Ciro Scarponi’ è stata protagonista della kermesse di inizio mese a Torgiano: la manifestazione dell’8 agosto, che era in programma in piazzetta Malizia, “si è tenuta nella chiesa di San Bartolomeo, causa meteo, in un contesto chiaramente meritevole” – conferma la giovane artista torgianese, protagonista dell’evento.

Alessia Cecchetti ringrazia i presenti, dopo aver deliziato con le note pianistiche proprio quanti erano arrivati in loco domenica sera alle 21.15. “Sto lavorando per il prossimo futuro, x cercare di ampliare il tutto e riuscire a fare una vera a propria stagione concertistica estiva x l’anno prossimo” – aggiunge la Cecchetti, spiegando come l’obiettivo non sarà di semplice portata ma rimane fortemente voluto.

Schumann, Chopin e Prokofiev sono stati i nomi noti eseguiti dalla musicista torgianese, in un’occasione che si unisce a molte altre avvenute lungo il 2016. “La prima parte dell’anno è stata ricca di eventi (Teatro Cucinelli, Amici della Musica di Perugia, Accademia Pianistica di Imola, ecc.) e la seconda parte dell’anno sarà lo stesso” – conclude Alessia. Musica e forte passione, un binomio che sta conducendo la giovane torgianese in un cammino premiato.

MICHELE BALDONI

DOMENICO SANTONI, ARTE CONTADINA E RIPRODUZIONI: PROSEGUONO SENZA SOSTA I LAVORI IN MINIATURA DEL TORGIANESE

TORGIANO – Quando l’amore per le proprie origini e per i tempi d’inizio Novecento portano ad una passione infinita, continuamente rinfrescata….si parla di Domenico Santoni.

È il gentilissimo torgianese, sempreverde nello spirito e nella voglia di fare, a mostrare il suo ‘impero’: dopo anni ed anni, anche nell’estate che percorriamo Santoni prosegue ad abbellire la sua sala fatta “di arte contadina, di veri oggetti di una volta messi a fianco della creativià che provo ad esprimere” – spiega.

Proprio a Torgiano la sala-laboratorio artigianale dell”artista locale è capace di far innamorare gli occhi di chiunque entri: si ammirano appunto arnesi del mondo contadino umbro e di tutta la Penisola, oltre che ricostruzioni in miniatura di macchinari, riproduzioni fedeli della quotidianità agreste “che mi diverto a far rivivere. È un attività cui mi dedico con gioia, alcune realizzazioni vanno ad elettricità, dunque miniature di trebbiatrici, trenini e stazioni, ma anche presepi natalizi; non mancano arnesi, attrezzi antichi”. Colpiscono poi le foto originali, testimonianze di fine Ottocento e vita del Ventennio, che Santoni ha posto sulle mura della sala, “immagini di parenti e non: tutti possono così riscoprire l’Italia che è stata, la validità di quanto rappresentato”.

Domenico ha spesso partecipato a mostre, feste paesane, occasioni locali di ricordi di epoca contadina, “anche se per il momento preferisco dedicarmi al lavoro qui a casa, invitando amici ed appassionati a vedere il tutto”. Santoni, una volontà preziosa: la forza di rappresentare, per non dimenticare le origini di tutti noi.

MICHELE BALDONI

‘MOBILITA’ GRATUITA GARANTITA’, DAL 2008 IN SOSTEGNO AI CITTADINI (SPECIE SE DISABILI, ANZIANI). “DA DERUTA RAGGIUNGIAMO I PRESIDI SANITARI DI PG E CIRCOSTANTI, GRAZIE AI VOLONTARI DI ‘AZIONE CIVICA'” – AFFERMA L’ASS. M. TONIACCINI

DERUTA – Il Comune derutese ha da anni messo in atto un progetto di Mobilità Gratuita Garantita. E’ sin dal 2008 che l’assessorato alle Politiche Sociali ha dato vita a ciò, al fine di rispondere alle esigenze di mobilità di cittadini svantaggiati in ragione dell’anzianità, della disabilità o di particolari condizioni fisiche, psichiche, sociali e familiari.

“Tale iniziativa si è rilevata estremamente utile ed ha contribuito al sostegno delle persone in difficoltà” – si apprende. Il servizio viene reso con un mezzo (in comodato d’uso gratuito) condotto da volontari dell’associazione ‘Azione Civica’, coordinati dall’assessore e volontario della suddetta associazione Michele Toniaccini e dall’Operatore Sociale di Quartiere, la figura che risponde ai fabbisogni quotidiani della terza età, di chi si trova in condizione di disagio, temporaneo o permanente.

Il Servizio di trasporto gratuito è in atto dal lunedì al venerdì, sia di mattina che di pomeriggio, ma all’occorrenza è disponibile anche nel fine settimana. “Esso è organizzato per i servizi all’interno del territorio comunale (Centro di Salute di Deruta, ambulatori medici in Deruta e frazioni, ecc.), per il raggiungimento dei presidi sanitari di Perugia, Todi, Marsciano e Pantalla e verso altre strutture sanitarie/riabilitative e simili” – spiega ancora Toniaccini.

“L’Amministrazione Comunale di Deruta intende dare seguito a questo progetto, potenziandolo in base alle esigenze soprattutto delle persone che non possono contare sul sostegno dei propri familiari – prosegue l’assessore derutese – e grazie al successo di questi anni evidenziamo un impegno concreto nell’ambito dei servizi sociali, con l’implementazione di percorsi volti alla socializzazione, all’educazione, all’informazione ed all’assistenza diretta su tutto il territorio di Deruta”. I bisogni della cittadinanza si sono così affrontati verificando la corrispondenza tra l’offerta e la domanda: sono state soddisfatte (ha spiegato ancora l’amministrazione di Deruta) mediamente 5/6 richieste al giorno.

“Intendiamo esprimere la nostra più sincera gratitudine a tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito all’attivazione, alla gestione ed alla promozione di questa iniziativa, testimoniando un grande senso di responsabilità, un esemplare dovere civico ed un profondo affetto a questo territorio ed ai loro concittadini. In una fase di drastico calo delle risorse pubbliche per il welfare, il ruolo dei volontari deve continuare ad essere valorizzato e sostenuto. Sulla radicalità esigente del lavorare per gli altri si è fondata la nostra comunità civile e solo lungo questa strada si può, si deve ritrovare il coraggio di una visione alta della politica in grado di farsi prospettiva di crescita autentica per le future generazioni: lavorando quotidianamente in prima linea in mezzo alla gente, attivandosi prontamente, valorizzando i rapporti di collaborazione con le associazioni del territorio”.

MICHELE BALDONI